Definito il percorso del 10° Historic Rally Vallate Aretine

Image

riolo-4

Definito il percorso del 10° Historic Rally Vallate Aretine 

Gara divisa in due tappe, Arezzo e Piazza Grande sempre al centro della manifestazione. In Casentino e Val di Chiana le prove speciali con  l’inedita “Rosina” che porta a 10 i tratti cronometrati

Scarica la cartina del percorso

Bibbiena, 16 febbraio 2020. Si avvicina la decima edizione dell’Historic Rally Vallate Aretine, gara organizzata dalla Scuderia Etruria e valida per il campionato italiano Rally Auto Storiche.
Tante le novità per festeggiare l’importante anniversario il prossimo 6-8 marzo: il rally “raddoppia” i giorni e aggiunge una prova speciale “inedita” che portano il numero dei tratti cronometrati a dieci, tanti quante le edizioni della gara oramai diventata un punto di riferimento per gli appassionati. L’altra grande novità è il trofeo che la Scuderia Etruria ha deciso di istituire per festeggiare il doppio anniversario “tondo” delle sue gare: l’Historic Rally Vallate Aretine, che compie 10 anni, e il Rally del Casentino che con l’edizione del 2020 entra addirittura negli “anta”. Per questo il trofeo si chiama Scuderia Etruria Historic 10+40.  Al trofeo parteciperanno d’ufficio tutte le auto storiche iscritte ad entrambe le gare. Ghiotto il montepremi, di 12.000 euro, equamente suddiviso tra i quattro raggruppamenti.

IL PERCORSO: 10 PS PER I 10 ANNI
Rinnovato anche il percorso che si svilupperà a margherita nelle vallate che circondano la città – in particolare tra Casentino e Val di Chiana. Non cambia invece il palcoscenico, la splendida Piazza Grande di Arezzo, in pieno centro storico, sarà ancora la sede di partenza e arrivo in entrambe le tappe.
Via della gara al sabato (partenza della prima vettura alle ore 10:00) quando si disputeranno le prove “Casentinesi”, tre da ripetere due volte: “Ponte alla Piera” (9,94 km), La Verna (17,8 km) e la novità “Rosina” (7,48 km), per un totale di 70km di tratti cronometri. In mezzo il riordino in Piazzale della Resistenza a Bibbiena (ingresso alle ore 12:17), dove gli appassionati potranno ammirare in sosta le auto che hanno fatto la storia dei rally e non solo. Il rientro ad Arezzo della prima vettura è previsto pochi minuti delle 17.
La Val di Chiana sarà invece il teatro della seconda e decisiva tappa: partenza alle ore 8:00 per ripetere due volte le PS  “Portole” (14,5 km) e “Rassinata”, la più lunga del rally con in suoi 16,45 km, e con l’arrivo posizionato proprio alle porte della città. Il vincitore della gara salirà sul palco di Piazza Grande intorno alle 13:15 di domenica e sarà accompagnato dallo spettacolo della Filarmonica “Guido Monaco” e dalle chiarine e dai tamburi dei Musici della Città di Arezzo.
Definito così il road book, tutti gli uomini della Scuderia Etruria Sport sono ora impegnati sul campo. Modulistica, segnaletica e cura del percorso, nessun dettaglio lasciato al caso dalle oltre 50 persone coordinate dal presidente Loriano Norcini.

 

Gara d’apertura del Campionato Italiano Rally

L’Historic Rally vallate aretine sarà anche la prima occasione di confronto tra i protagonisti del Campionato italiano Rally Auto Storiche dove Angelo Lombardo difenderà il titolo conquistato nel 2019 insieme a Giuseppe Livecchi e la loro Porsche 911. Il campionato prevede otto gare e si chiuderà il 16-18 ottobre con il Rally Storico Costa Smeralda.

Sito ufficiale Campionato Italiano Rally Auto Storiche

 

Trofeo A 112 Abarth Yokohama

Capacità di guida e costi contenuti caratterizzano invece lo spettacolare trofeo riservato alle piccole A 112 Abarth. La serie, promossa da Team Bassano, si disputerà su sette gare (sei da conteggiare). Saranno ammesse le versioni 58 e 70 HP nei livelli di preparazione Gruppo 1 e 2 per quelle costruite fino al 1981 e Gruppo A e N per quelle post 1981. Confermata la “monogomma” Yokohama Advan. L’Historic Rally Vallate Aretine aprirà questo campionato tradizionalmente molto frequentato e combattuto e sarà una vera e propria gara nella gara.

Sito ufficiale del Trofeo A112 Abarth

 

Michelin Historic Rally Cup
Tante le novità 2020 della serie dedicata alle coperture francesi, ciò che resta invariata è la formula: iscrizione gratuita (con 10% di sconto sulla tassa di iscrizione alle gare) con unico obbligo l’uso di pneumatici Michelin e l’apposizione degli adesivi Michelin e della Coppa sulla vettura.
Le novità riguardamo l’allargamento del calendario a undici rally (sette risultati utili conteggiati), la proclamazione di un vincitore assoluto, e una nuova formulazione di classi e punteggi. Dal 2020
il trofeo è aperto anche alle vetture di Quarto Raggruppamento che montano pneumatici da 13”.

Sito ufficiale Michelin Historic Rally Cup

 

9° Memory Fornaca
Si aprirà ad Arezzo anche la caccia del successore di Lucky Battistolli, vincitore del Memory Nino Fornaca nel 2019. La serie che ricorda il grande esperto di rally prematuramente scomparso nel 1997 – riconosciuta da ACI – si svolgerà su ben sette gare (Valsugana Historic Rally, Rally Storico Campagnolo, Rally Lana Storico, Rally d’Elba storico, Rally Monti Savonesi Storico e La Grande Corsa) e metterà in palio un montepremi di tutto rispetto.

Sito ufficiale il Memory Nino Fornaca

 

Trofeo Andrea Ulivi e Memorial Oberti per i “naviga”
Due i premi dedicati ai copiloti: il primo assoluto vincerà il Trofeo dedicato ad Andrea Ulivi, aretino
medico sportivo e navigatore appassionato così come lo era Giulio Oberti – navigatore
valtellinese prematuramente scomparso nel 2017. Gli amici del Romazzana Rally Team – promotori dell’iniziativa – consegneranno un orologio “Bolide” di Mondia Italia al navigatore più giovane di ogni raggruppamento.

Torna la Regolarità Sport 

In coda al rally torna la Regolarità Sport, asente al “Vallate Aretine” dal 2017.  La categoria è dedicata a chi cerca il giusto equilibrio tra il piacere della guida in una prova speciale chiusa al traffico unita, a fine prova, al passaggio di precisione, senza dover “fare il tempo” o prendersi rischi.